Visita del Superiore Generale e del suo Vicario in Mozambico, marzo 2013

(un video trovi qui: Visita canonica in Mozambico, marzo 2013, qui invece un po' di foto)

Nella settimana prima della Settimana Santa del 2013 insieme al P. Vicegenerale abbiamo visitato la comunità dei Missionari della Sacra Famiglia che lavorano in Mozambico nella Diocesi Nampula. I quattro confratelli MSF in questo paese lontano d’Africa appartengono alla Provincia MSF del Brasile Meridionale. 

La missione deo MSF ha iniziato P. Neiri Segal MSF inserendosi nel progetto missionario della Conferenza dei Vescovi del Brasile, che ha organizzato un gruppo di missionari per sostenere la Chiesa cattolica in Mozambico. P. Neiri suo ministero missionario ha iniziato nel 2007 nel villaggio di Chalaua, ma dall'inizio del 2008 si è trasferito alla diocesi di Nampula, dove è stato inviato ad una missione abbandonata in Mecubúri. Nel febbraio 2009, la Provincia MSF di Brasile Meridionale ha inviato altri due missionari della Sacra Famiglia, che si sono uniti a P. Neiri. Attualmente in questa missione stanno lavorando tre confratelli sacerdoti e un fratello religioso.

Il Mozambico è un paese quasi tre volte superiore della Polonia, situato nella parte meridionale dell'Africa, di fronte a Madagascar. Dal 1498 era una colonia portoghese. Nel 1975, dopo molti anni di guerra, il Mozambico ottenne l'indipendenza. Ma la gente del Mozambico non ha potuto vivere in pace, perché è cominciata una guerra civile che durò per 17 anni fino al 1992. Nel 1992, è stato firmato un accordo di pace in Italia grazie alla mediazione della Comunità di Sant'Egidio e al governo italiano. La popolazione oggi è di circa 25 milioni, di cui più della metà vive e lavora nei campi. Industria è sottosviluppata, si sente ancora gli effetti della guerra civile, che ha causato un sacco di danni. Molte persone vivono in condizioni di estrema povertà. L'assistenza sanitaria è assolutamente insufficiente. La malaria e l'AIDS sono devastanti. L'età media è di circa 45 anni, la mortalità infantile è molto alta. Nel paese si parla in molti dialetti e la lingua ufficiale è il portoghese. Molti, soprattutto la generazione più anziana, rimane analfabeta.

Diocesi e nello stesso tempo provincia di Nampula si trova nel nord del paese ed è la parte più popolata del paese, più di 4 milioni di abitanti. La maggior parte degli abitanti della regione utilizza solo il cosiddetto linguaggio "Makua".

In questa diocesi è situato il villaggio Mecubúri, in cui si trova la sede della missione guidata dai Missionari della Sacra Famiglia. Questa regione è prevalentemente una regione agricola anche se si coltiva solamente una piccola quantità di terreno. Lo strumento principale per lavorare sul campo è una zappa e i mezzi di trasportato sono quasi sempre la testa, ma a volte una bicicletta. Il problema maggiore è la mancanza di acqua. Le forti piogge cadono solo per circa 3 mesi, mentre il resto dell'anno c’è la siccità totale. La maggior parte della popolazione della zona vive molto povera in piccole capanne fatte di terra e coperte di erba. C’è un solo piccolo ospedale per i migliaia di abitanti. Non c'è elettricità, solo in alcuni punti, per diverse ore, dove si utilizza l'energia solare accumulata. Le strade sono "fatali" soprattutto nella stagione delle piogge molti dei tratti sono impercorribili.

La missione dei MSF include due parrocchie e una regione pastorale, che comprende i villaggi di Mecubúri, Milh, Ratan, Namin e Muite. Si tratta di una vasta area che copre circa 300 Comunità (Comunità di Base - Comunità un minimo di 100 cattolici), e gruppi di preghiera. Ogni comunità ha le sue, a volte molto modeste, per non dire molto povere e piccole cappelle. Per la Comunità la responsabilità è del Presidente della Comunità e dei catechisti. I catechisti in tutta la missione sono circa 1.500. A molte delle Comunità, molto lontane dalla Missione, un missionario a volte arriva solo ogni pochi anni.

Questa missione per i Missionari della Sacra Famiglia è una grande sfida e un compito. Il compito principale, oltre i sacramenti che vengono celebrati, è la formazione dei catechisti e animatori delle comunità e dei gruppi di preghiera. Inserimento del laicato nella responsabilità per la Chiesa, la loro preparazione e formazione permanente è il compito primario per i missionari. I nostri confratelli, perché provengono da Brasile, parlano la lingua portoghese, ma devono anche imparare la lingua Makua, per non fare delle prediche tramite un traduttore e per essere in grado di celebrare i sacramenti nella lingua compresa da tutti, sia più vecchi che più giovani.

Per noi, MSF, missionari e religiosi, è anche estremamente importante costruire continuamente una comunità religiosa. Questa missione è effettuata dalla comunità MSF e i confratelli, nonostante le molte difficoltà, stanno cercando di costruire la comunità sostenendosi e completando a vicenda. Va aggiunto che davanti alla sede della missione viene creata la cosiddetta Agraria Scuola Famigliare, e anche se la sua costruzione e la gestione è pagata da varie organizzazioni in Europa e dal Governo del Mozambico, tutta l'organizzazione si basa sui missionari della Sacra Famiglia.

Cari confratelli e amici della missione, come è facile rendersi conto questa missione MSF è stata iniziata di recente e da quello che so, nella nostra Congregazione vi è poco conosciuta, così ho deciso di condividere con voi questi pochi dati. Per me è stata la prima visita in Mozambico e rimarrà a lungo nella mia memoria, non solo a causa delle diverse avventure in viaggio come per esempio quasi strappata la ruota della macchina e l’arrivo nella missione alle 3 del mattino, ma soprattutto a causa del carattere gioioso di queste persone nonostante la loro povertà e il grande impegno dei laici nella propagazione della Buona Novella. Una grande impressione su di me ha avuto anche la processione e la Messa durante la Domenica delle Palme. La celebrazione è durata solo 3 ore e mezzo.

Mozambico - Mecubúri - Marzo 2013

Con un fraterno saluto, grato per ogni preghiera per i missionari e specialmente i missionari MSF in tutto il mondo.

P. Edmund Jan Michalski MSF

Superiore Generale

Più Letti